Cronaca del Consiglio Comunale

CONSIGLIO COMUNALE


Cronaca del Consiglio Comunale, 30 giugno 2010.





Il 30 giuno 2010 alle ore 18:30 si è tenuto il Consiglio Comunale con il seguente ordine del giorno:


Ordine del giorno:

1) Deliberazione della Corte dei Conti Sezione Regionale;

2) Istituzione della nuova Tariffa Integrata Ambientale;

3) Gestione dei rifiuti urbani ed assimilati;

4) Regolamento per il procedimento amministrativo – Approvazione;

5) Variazione al Bilancio di Previsione e al Pluriennale 2010 - 2012;

6) Istituzione di una Sezione di scuola dell’infanzia comunale;

7) Mozione di “PDL+Lega” Piano Attuativo Locale - Pal;

8) Mozione di ”Lista Civica” Terza sezione della scuola elementare;

9) Mozione di “PDL+Lega” “ Terza sezione della scuola elementare;

10) Lettura e approvazione dei verbali della seduta del 08/05/2010.


Il Consiglio Comunale si apre (5 spettatori) con la comunicazione della Corte dei Conti e passa subito al punto due. Il Sindaco spiega la nuova tariffazione. Rosi ricorda la sentenza del 2009 della Cassazione e dice che il Comune interpreta le leggi aggravando le imprese, l'iva non sarà più detraibile. Boni nota nel regolamento delle incongruenze, le famiglie numerose sarebbero avvantaggiate. Montaguti chiede se vengono fatti controlli sugli utenti, si dice il Sindaco. Vengono controllati l'1% degli utenti e aggiunge che la nuova tariffa è un'idea di Tremonti. Zoboli era favorevole ma non con questo meccanismo e lo spiega per 10 minuti. "Solite Banalità" dice il Sindaco sottovoce. Effettivamente un po' ha ragione, spesso nei consigli si parla del nulla tanto per parlare. Interviene Gozzoli: "I parametri devono essere rivisti ma non dipendono dal Comune", il Ministro dell'Ambiente dal 2006 non fornisce i decreti attuativi, conferma però che con la nuova TIA il Comune ha adottato una scappatoia. Si vota e passa con i voti della maggioranza, opposizione astenuta.

Il punto 3 è il proseguimento del 2, il Sindaco illustra i dati: 53% di raccolta differenziata, 674.000€+iva il costo di Hera, aumento medio 1.60%. Rosi lamenta gli aumenti, chiede all'ufficio tecnico di controllare e chiede d'incentivare i virtuosi. Forse Rosi dimentica che c'è già la tessere sconti ma torniamo in aula, in Sindaco s'inalbera: "dietro questa storia ci sono sei mesi di lavoro dei tecnici e ricorda che i costi aumentano perchè i servizi aumentano:

nel 2007 38 cassonetti,

nel 2008 50 cassonetti,

nel 2009 64 cassonetti,

nel 2010 88 cassonetti.

Su 800 utenti che usano l'oasi ecologica, 300 ricevono una media di 15€ di contributo annuo.

Si sta cercando di trovare soluzioni alternative, nella zona vecchio Mulino i cassonetti saranno interrati. Interviene anche l'Assessore Cavani, un cassonetto costa 113€ di affitto annuo, conferma che gli aumenti sono fisiologici e dovuti agli investimenti, Zuffi concorda con Cavani e Sindaco. Zoboli: "siamo passati da 450.000€ a 674.000€ in 5 anni con un aumento del 40%, la raccolta differenziata doveva essere un beneficio invece è un costo", aggiunge che secondo lui i tecnici non hanno fatto bene i conti. Cavani: se non avessimo aumentato i cassonetti probabilmente avremmo guadagnato ma abbiamo fatto scelte diverse. Dalla discussione è emersa una cosa che non sapevo, il Comune non paga la raccolta del vetro, è una compensazione al disagio di avere un'azienda come l'Emiliana Rottami in paese. Si vota, tutti favorevoli, tranne i tre del PDL+Lega.

Il punto 4 dice che i procedimenti comunali saranno on-line, saranno personalizzabili, tracciabili e si comunicherà direttamente con il responsabile. A luglio i primi, a settembre a pieno regime. Il Sindaco dice è una buona idea ma ci vorrebbero più risorse: "è dal 2004 che non assumiamo". Zoboli: "quando il Sindaco può la mette sempre in politica." Aggiunge che si auspica un unione dei piccoli comuni o forse l'annessione di San Cesario a Castelfranco, non ho ben capito. Poi si scivola su inutili discussioni, competenze, carta d'identità elettronica...poi i consiglieri votano tutti a favore.

Punto 5, spostamento di alcuni capitoli di spesa, si vota tutti a favore.

Punto 6, scuola materna. Si farà una 4° sezione a carico del Comune, costerà 65.000€. 2 insegnanti e 1 inserviente. Lo Stato non darà niente, il Sindaco ci tiene a sottolinearlo. Montaguti chiede chiarezza sui documenti: prot.4566 e delibera di Giunta n.39

Il Sindaco dice che la Regione non vuole fare una sezione in più.

Rina: l'amministrazione sta cercando di risolvere quello che il governo non fa. Rosi: il Preside dice una cosa, il Sindaco un'altra. Sul sito della Provincia ci sono tutte le richieste dei Comuni tranne San Cesario. Secondo Rosi il Comune non ha comunicato i dati al Preside.

Sindaco: ti assumi la responsabilità di quello che stai dicendo.

Rosi: e va bene me le assumerò, nei documenti non risultano lista d'attesa, non è vero che ce ne sono 23?

Devo dire che nel dibattito non si capisce nulla, pare ci sia stato un gran pasticcio tra gli enti. Rosi parla di versioni discordanti e che se non avessero sollevato il problema, tuona il Sindaco: VOI? Non hai risolto niente e neanche Tremonti. Il Sindaco parla, anzi urla su Rosi impedendogli quasi di parlare, aggiunge però che se fosse stato per lui la terza sezione non l'avrebbe fatta.

Rosi dice che se il Comune non avesse risolto il problema avrebbe chiesto le dimissioni del Sindaco.

Sindaco: Si, dimissioni...come Brancher.

Devo dire che Rosi poteva preparasi meglio l'argomento, cita date e documenti che non ha sottomano, fa anche un po' di confusione tra annate e scuole, forse il caldo non ha giovato.

Zuffi dice di non essere a conoscenza della gestazione dell'accaduto ma crede sia più importante il risultato. Nel frattempo il Segretario Comunale si allontana per una telefonata, strano comportamento. Zoboli in sintesi dice che l'edificio scuola materna dopo 5 anni è già superato e che "Il Sindaco ha fatto il Marchese del Grillo, ha sbagliato e ci ha messo una pezza".

Sindaco: "Il tuo amico Governo non ci da la possibilità di fare scuole nuove." Poi parla di parco e Villa.

Zoboli: Hai venduto tutto.

Sindaco: Sei poco attento, ma dove vivete?

Rosi non è in serata e divaga da un argomento all'altro citando rotonde e tangenziale. Insomma a ruota libera del più e del meno, più che Porta a Porta direi il Mercato. Meno male che si vota e questa volta capisco ancora meno perché votano tutti a favore.

Punto 7, viene rimandato.

Il punto 8 e 9 si discutono assieme, 54 alunni della futura primaria.

Rina: Amministrazione e Dirigente scolastico stanno lavorando assieme, il Ministero ha cambiato le regole, 24, 27, 30, 40 ore. Dice che le classi possono arrivare fino a 30 alunni ma che la 3° sezione si farà a 27 ore e probabilmente non ci sarà il trasporto e la mensa perché non ci sarebbe nessuno a guardare gli alunni. Un insegnante farà 22 ore e un'altro 5. Boni dice che non c'è chiarezza tra reali iscritti e potenziali iscritti, tra 40 ore e 27. E' scettico sul fatto che si farà la 3° sezione in quanto ci sono delle rinunce, la 3° sezione è scesa a 13. A parte una divagazione tra mensa e pangasio chiede se il personale docente è in grado d'insegnare alle nuove classi e se ci saranno due sezioni di serie A e una di Serie B. La domanda potrebbe sembrare pretestuosa ma considerando la mie esperienza, confermo che la sezione aggiunta parte svantaggiata e per raggiungere la parità c'è voluto l'interesse dei genitori e un Preside presente. Non posso dimenticare la latitanza del precedente Preside Scurani, ora in forza nell'amministrazione vignolese. Boni dice che il Dirigente scolastico sta contattando telefonicamente i genitori interessati, vorrebbe vedere il regolamento. Il Sindaco non capisce se Boni vuole o no la terza sezione. Effettivamente non è chiarissimo, Boni ha il dubbio che non venga fatta ma il dubbio sembra un auspicio, consiglio a Boni di far capire meglio i suoi interventi e di farli meno prolissi, ci si perde.

Rosi: è chiaro che si sta andando verso le 27 ore, poi dice che il Sindaco dovrebbe vergognarsi. A questo punto il Sindaco strappa un sorriso: "Bianconi qui ci vorrebbe il video".

Bertacchini dice che il governo ha tagliato 1000 docenti e che appoggia le scuole private. Rosi non si tiene e dice che il tempo pieno da solo la possibilità di lavorare di più ai genitori. Onestamente non so che dire, il Sindaco cerca di stringere i tempi e zittisce Rosi e Bertacchini, passi per Rosi che si stava ripetendo ma farlo con Bertacchini non mi è piaciuto. Prende la parola Gozzoli che conferma quanto detto dalla maggioranza. Anche Zoboli chiede di non fare sezioni di serie A e serie B. Dopo tutta questa discussione ho capito una cosa, il tempo pieno è di sinistra, le 27 ore sono di destra. Questo mi mancava! Zuffi dice che c'è stata una sorta di prudenzialità perché vogliamo la stessa offerta formativa tra le classi ma voi dell'opposizione vi site buttati a capofitto, il Sindaco conferma che avrebbe preferito 3 classi a tempo pieno e che a lui risultano 44 iscritti, per vie traverse ha imparato che ci sono altri 10 iscritti non residenti di cui uno portatore di handicap. Dice che il dirigente non lo ha comunicato al Comune.

Non so per quale motivo ma gli enti non si parlano.

Attualmente le iscrizioni sono scese a 51.

Mozione della Lista Civica passa, quella del PDL+Lega no.





Per la redazione SENZAFILTRO

Germano Bianconi






Consiglio:




















































Liviana Angiolini (Centro Sinistra per San Cesario)
Alessandro Boni (Popolo della Libertà - Lega Nord)
Federica Bellentani (Centro Sinistra per San Cesario)
Cristian Mattioli Bertacchini (Centro Sinistra per San Cesario)
Sofia Biondi (Centro Sinistra per San Cesario)
Luca Brighetti (Centro Sinistra per San Cesario)
Gianfranco Gozzoli (Centro Sinistra per San Cesario)
Fabio Montaguti (Lista Civica Nuovo San Cesario Senzafiltro)
Sabina Piccinini (Lista Civica Nuovo San Cesario Senzafiltro)
Robero Formentini (Centro Sinistra per San Cesario)
Luciano Rosi (Popolo della Libertà - Lega Nord)
Paola Tacconi (Centro Sinistra per San Cesario)
Rocchina Tangreda (Centro Sinistra per San Cesario)
Daniele Sabbadini (Centro Sinistra per San Cesario)
Maurizio Zoboli (Popolo della Libertà - Lega Nord)
Francesco Zuffi (Centro Sinistra per San Cesario)





Giunta:









Zanni Valerio Servizi Sociali, Bilancio e Sicurezza








Gozzoli Gianfranco Urbanistica e allo Sviluppo economico








Cavani Giovanni Lavori Pubblici e Ambiente








Borsari Maria Personale, Pubblica Istruzione, Infanzia e Pari Opportunità








Cristian

Mattioli Bertacchini
Cultura, Sport/Associazionismo e Politiche Giovanili

StampaEmail

Apertura de cuenta bet365.es