Home
IL COMUNE
Storia
Amministrazione
Ambiente
 
RASSEGNA STAMPA
In Vetrina
 
AREA INTERATTIVA
FORUM
 
IDEE PER IL PAESE
Foto MOSAICO
Dillo al Sindaco
Guide e Tutorial
Segnala
telemodena
link del paese

Utenti connessi: 19
redazione Senzafiltro

Associazione
di Promozione Sociale
CF 94134590366

_sono le ore
 

COMUNICATO STAMPA

FARPRO.


OGGETTO: Vicenda Far.Pro: l’assessore all’Ambiente Gianfranco Gozzoli ribadisce l’impegno concreto dell’Amministrazione per cercare di risolvere il problema degli odori


«Il grado di tutela dei cittadini di San Cesario non si può misurare con il numero di firme su petizioni varie, né con la quantità di passaggi sulla stampa o sulle televisioni locali, né tanto meno con la cifra di bandiere antiodore appese ai davanzali delle case del paese».

Questo il pensiero dell’assessore all’Ambiente e ai Lavori pubblici del Comune di San Cesario sul Panaro Gianfranco Gozzoli, in merito alla vicenda riguardante gli odori avvertiti nell’abitato di San Cesario, per i quali tra i maggiori indiziati si ritiene vi sia la ditta Far.Pro. Modena, situata sulla riva del fiume Panaro a poche centinaia di metri dal centro abitato. L’azienda lavora il sangue raccolto nei macelli per trasformarlo in farina proteica da utilizzare nell’alimentazione animale.

«Noi intendiamo proseguire nel tentativo di convincere l’azienda interessata a mettere in atto ulteriori azioni per il contenimento delle emissioni odorigene all’interno dei procedimenti amministrativi avviati e contemporaneamente proseguire nell’approfondimento tecnico e scientifico sull’analisi delle manifestazioni odorigene nel nostro capoluogo».

Gozzoli prende spunto dalla vicenda giudiziaria che vede coinvolta la ditta in virtù del procedimento intrapreso contro di essa dal circolo locale di  Legambiente:

«In merito all’udienza del 5 dicembre scorso, apprendiamo dai mass-media due diverse versioni: Legambiente canta vittoria per essersi costituita parte civile, la ditta in questione, ribadisce che il tribunale non ha accettato l’acquisizione al processo dell’ultima petizione sottoscritta dai cittadini di San Cesario e, fatto ancora più rilevante, sostiene che nel procedimento viene contestato un reato oblazionabile con 100 euro».

L’assessore precisa di non voler entrare nel merito dell’esito di processo utilizzando articoli giornalistici, ma sottolinea come «Ancora una volta dobbiamo constatare l’atteggiamento di chi fa proclami contro la presunta inerzia delle autorità, ma  nello stesso tempo trasfigura i propri risultati e l’effettiva efficacia delle iniziative intraprese».



Il responsabile dell’ufficio stampa
Simone Martarello
e-mail: s.martarello@gmail.com

[19 Dicembre 2006]





redazione Senzafiltro email: senzafiltro@sancesario41018.it - scrivi segnala e la redazione Senzafiltro pubblicherà il tuo articolo